Agevolazioni fiscali in caso di Disturbo Specifico dell’Apprendimento

Il riconoscimento dei DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento) è previsto dalla Legge 170/2010, che prevede determinate misure necessarie ad attivare un percorso didattico idoneo per lo studente che presenti  determinate difficoltà di apprendimento.

Dette misure e strumenti sono contenute nel PDP (Piano Didattico Personalizzato), ovvero un piano che la scuola stila in collaborazione con la famiglia per ogni studente con diagnosi di DSA.

Innanzi tutto è necessario che la famiglia interessata ad intraprendere idoneo percorso educativo e didattico al figlio studente interessato, sia in possesso di una diagnosi di DSA, certificata e rilasciata da medici specialisti esperti.

La Legge di Stabilità 2018 ha introdotto alcune nuove agevolazioni fiscali sull’acquisto di strumenti utili a supportare studenti con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).




Alcune novità in tema di detrazioni che possono interessare le famiglie italiane, come previsto dalla Legge di bilancio 2018, sono:

  • la possibilità di portare in detrazione gli abbonamenti ai mezzi pubblici per recarsi al lavoro;
  • bonus casa che comprendono agevolazioni in caso di ristrutturazioni, acquisto mobili e interventi di sistemazione del verde in casa. 

In questo articolo voglio parlarti però un’importante novità in tema di detrazioni fiscali che interessa invece le famiglie con bambini o ragazzi per i quali é stato diagnosticato un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (ovvero dislessia, disgrafia, discalculia etc.), ovvero: 

Detrazione al 19% in caso di DSA (Disturbo specifico dell’Apprendimento)

Da quest’anno, per quelle spese sostenute per acquistare beni strumentali a supporto di soggetti sia minori che maggiorenni per i quali é stato diagnosticato un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA), 

e fino al compimento del secondo anno della scuola secondaria di secondo grado è possibile portare idetrazione le spese sostenute per acquistare strumenti compensativi, supporti e sussidi tecnici e informatici necessari per l’apprendimento, previsti dalla Legge n. 170 dell’8 Ottobre 2010.

Sono interessate inoltre, le spese sostenute per l’uso di strumenti compensativi utili a favorire la comunicazione verbale.

Quest’ultimi devono assicurare ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere e la detrazione é ammessa in presenza di opportuno certificato medico attestante il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato.

L’Agenzia delle Entrate dovrà emanare un decreto con le disposizioni attuative alle quali attenersi per poter usufruire dell’agevolazione, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge.

Tale disposizione sarà applicata alle spese sostenute con decorrenza dall’anno d’imposta in corso fino al 31 dicembre 2018. 

Images by Pixabay

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 commenti

  1. E invece per chi è disoccupato con due figli minori è uno di questo con certificazione di DSA e alla quale è stato rifiutato anche l indenita di frequenza a quali mano di deve dare che aiuto c è per queste persone? Liste di mesi e mesi per avere un supporto di due ore settimanali da un struttura pubblica..profonda tristezza..!!

    • Buongiorno Monica.
      Sono dispiaciuto per la tua situazione.
      Hai provato a rivolgerti ad un patronato? Dovrebbe saperti dire perché, innanzi tutto, determinati sostegni ti sono stati negati ed indicare inoltre quale iter intraprendere per chiedere determinati riconoscimenti eventualmente a te spettanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.